Hell’s Gate Metzeler 2016: Metà Strada Nella Via Lattea dell’Enduro. Wade Young

Il Ciocco, 6 Febbraio 2016.

Metà strada. Sulla Via Lattea dell’Enduro o all’Inferno dell’Estremo? Secondo Fasola non c’è troppa distinzione tra Paradiso e Inferno, nell’Enduro. Si tratta di umori del momento, di risultati e di quoziente dell’Impegno. Ecco. Qui a Hell’s Gate Matzeler l’impegno, la sfida, la difficoltà e l’incertezza sono ai massimi livelli “terrestri”. È massima la sofferenza. Oltre il massimo la soddisfazione, lka passione che muove le gesta dell’Enduro nell’Episodio principe dell’Extremo.

A metà strada, dunque, dopo le sei Speciali che hanno caratterizzato la gara eliminatoria del mattino, la situazione della Competizione di Fabio Fasola e del Ciocco delinea la rande battaglia che si svolge nel pomeriggio.

Qualcuno se l’è presa comoda, qualcun altro ha cercato sin dal primo confronto l’eccellenza del tempo e del risultato.

Dal punto di vista di Hell’s Gate Metzeler 2016, quello che conta è che è stilato l’elenco dei trenta finalisti, dei Piloti che affronteranno la Prova Finale sul nuovo percorso dell’Inferno. Ma il Gran Finale, ormai lo sapete, andrà in scena nei “gironi” infernali dell’Arena di Hell’s Gate Metzeler, e fino al “Gate” finale.

Siamo in ballo! E comunque, volendo farla facile, è presto detto: lars Enockl, terzo sul podio di Hell’s Gate Metzeler 2015, ha vinto le prime tre Prove Speciali del mattino. Le restanti tre, che concludono l’impegno dell’eliminatoria mattutina, sono vinte da Wide Young, Mario Roman e ancora Young. L’andamento generale vede passare in testa Young, che è giovane di nome e di fatto non avendo ancora 21 anni. Il sudafricano riesce a far valere la maggiore regolarità di marcia, si installa al comando e apre la fila dei trenta finalisti davanti a Roman ed Enockl, calato nel finale.

Di seguito Diego Nicoletti, che è il migliore degli italiani, e subito alle spalle del pilota italiano ecco Graham Jarvis, “solo” quinto. Ma l’inglese, che è apparso un po’ stanco alla partenza della gara del mattino, potrebbe aver importato la sua gara in una configurazione tattica già vista altre volte. Un basso profilo iniziale, poi…

Adesso è la finalissima. Ore 16:00. Tre ore gi gara non-stop, con le “barriere” cronologiche della prima e della seconda ora, e dei trenta minuti finali. Via 10 Piloti, poi altri dieci, infine l’Arena di Hell’s Gate Metzeler 2016 sarà tutta dei quattro finalisti dell’Inferno, questa volta soleggiato, de Il Ciocco.

Hell’s Gate Metzeler è l’intelligenza dell’Enduro trasfusa nell’istinto dell’umano, è la battaglia dei Droidi dell’Enduro Estremo.

 

Overall:  1. YOUNG (sherco) in 34’32.84; 2. ROMAN SERRANO (Te) a 2.87; 3. ENOCKL (KTM) a 11.21; 4. NICOLETTI (Beta) a 25.25; 5. JARVIS (Te) a 32.43; 6. SCHOLZ (KTM) a 1’42.48; 7. PIACENZA (Beta) a 2’36.24; 8. BERTL (Beta RR) a 2’52.36; 9. SALSENCH (Beta) a 3’12.32; 10. BOSI (Beta) a 3’31.51; 11. LENZI (Ktm) a 4’44.65; 12. FREUND (KTM) a 5’04.55; 13. SCHATZ (Beta) a 5’14.11; 14. MAZZOLENI (KTM) a 5’34.49; 15. GRABER (sherco) a 5’57.70; 16. BENOIT (Beta) a 6’35.51; 17. LORENZIN (Husqvarna) a 6’51.84; 18. GRAZIANI (Beta) a 7’38.52; 19. MAGGI (Beta) a 7’58.58; 20. PULCINI (KTM) a 8’07.83; 21. MONACO (KTM) a 8’21.74; 22. GIUBETTINI (husqvarna) a 8’31.11; 23. LEISER (KTM) a 9’26.84; 24. DIESEL (KTM) a 11’53.95; 25. BELLOMO (husqvarna) a 12’07.87; 26. JESTL (husqvarna) a 17’16.30; 27. BRACCHI (Beta) a 18’12.11; 28. ZANELLA (Beta) a 18’41.81; 29. SCARPELLI (Beta) a 22’12.22; 30. BECCHETTI (HUSQUARNA) a 22’25.66.

Piero Batini

Press Hell’s Gate Metzeler 2016 Image Credits © ApPhotosport

1

2

4